20 Novembre 2017

Note in bicicletta: le migliori canzoni sulle due ruote

Ispirati dai grandi ciclisti o dedicati al mezzo: ecco i più famosi brani sul ciclismo.

“E mi rialzo sui pedali, ricomincio la fatica / Poi abbraccio i miei gregari, passo in cima alla salita / Perché quelli come noi hanno voglia di sognare / E io dal Passo del Pordoi chiudo gli occhi e vedo il mare / E aspetto te, e aspetto te…”. Ecco un breve estratto del testo di “E mi alzo sui pedali”, la canzone con cui gli Stadio hanno meravigliosamente celebrato Pantani. Un brano memorabile, capace di raccontare la fragilità dell’uomo e la ferocia agonistica del campione. Un inno all’indimenticato Pirata.

Ma esistono migliaia di brani dedicati al ciclismo. In ogni lingua, in ogni genere musicale, in ogni forma. In sintesi, si possono raggruppare in due plotoni”: le hit dedicate ai grandi campioni del passato e le opere ispirate dalla bicicletta in quanto mezzo e metafora.

Nella prima porzione, ad esempio, trovano spazio le canzoni ispirate da Fausto Coppi e Gino Bartali: “Coppi” di Gino Paoli, “Ciao Fausto” di Mario Gualtieri o “Bartali” nelle due versioni di Paolo Conte e Enzo Jannacci. Anche Felice Gimondi ha avuto la sua dose di gloria in note, con “Sono Felice” di Elio e le Storie Tese e “Gimondi e il cannibale” di Enrico Ruggeri. Francesco De Gregori ha invece preferito dedicare il suo talento a Costante Girardengo, nell’affascinante storia di “Il bandito e il campione”. Per Marco Pantani sono infine state composte (oltre a “E mi alzo sui pedali” e molte altre) “In fuga” di Francesco Baccini e “L’ultima salita” dei Nomadi.

Moltissimi altri parolieri e cantanti hanno invece dipinto spartiti in onore della bicicletta in sé, intesa come icona di libertà, fatica e divertimento. In questa seconda playlist troviamo band e cantanti dei generi più disparati: dal Quartetto Cetra con “Ciao mama” a “Mezza estate” di Cesare Cremonini, passando per “Pedala” di Frankie Hi NRG, “Sono in fuga” di Lucio Dalla, “È un gran bel giro” di Paolo Belli, “In bicicletta” di Riccardo Cocciante, “I love my bike” di J Ax e “Il principe in bicicletta” dei Tre Allegri Ragazzi Morti.

A livello internazionale, si sono interessanti all’argomento anche i Pink Floyd con “Bike”, i Red Hot Chili Peppers con “Bicycle song” e Bruce Cockburn con “The Bicycle trip”. Il Premio all’Originalità va però ai Queen. La loro “Bicycle race” non ebbe un successo clamoroso nella BillBoard, ma il videoclip divenne ben presto un cult: 65 donne completamente nude si sfidavano sui pedali presso il Wimbledon Greyhound Stadium!

CONDIVIDI con: